il Giappone in Italia


Kyoto (京都)

(segue il mio racconto del primo viaggio a Kyoto; potete anche andare direttamente alla pagina Ristoranti&Locali o Hotels)
(cliccando qui potrete navigare su una mappa dell'antica Kyoto)
Se vi recate in Giappone, non potete non visitare Kyoto. E' assolutamente vietato. E' a soli 45 minuti di treno da Osaka, quindi gambe in spalla e andate!
Una delle mete obbligatorie è naturalmente il tempio Kinkaku-ji (金閣寺) - Gold Pavillon Temple, o Rokuon-ji (鹿苑寺) - Deer Garden Temple.
Se volete saperne di più sul tempio leggetevi l'articolo di Wikipedia a proposito: http://it.wikipedia.org/wiki/Kinkaku-ji
Dopo il Kinkaku-ji, non possiamo non visitare il quasi omonimo Ginkaku-ji (銀閣寺) - Silver Pavillon Temple, o Jishō-ji (慈照寺)- Temple of Shining Mercy.
Questo è l'indirizzo per chi vuole notizie sul tempio: http://en.wikipedia.org/wiki/Ginkaku-ji
Il panorama è davvero fantastico, guardate:
E c'è un giardino di una bellezza indescrivibile, se non tramite foto. Eccone alcune scattate sempre dal vostro solerte e vigile Flavio Spezzacatena, detto "il Grande", o anche "il Troppo Giusto":
Se poi uniamo alla bellezza della natura, anche quella delle ragazze giappiche, la magia è totale...
Anche qui si tirano le monetine come a Fontana di Trevi, ma non ho visto gente entrare a piedi nudi con la scopa e la paletta a raccoglierle per mettersele in tasca, come da noi. Strano, vero?
Vi lascio con altre due immagini del posto: l'entrata al luogo e un piccolo giardino zen presente all'interno dello stesso.
Un altro tempio molto famoso e davvero imperdibile è il Fushimi Inari Shrine Taisha (伏見稲荷大社). Ecco l'entrata al tempio:
La parte del tempio più conosciuta? Questa:
Questa serie di toori rossi è davvero caratteristica e viene spesso proposta tra le attrazioni di Kyoto. In effetti l'effetto è meraviglioso. Le iscrizioni che si trovano su ogni toori sono state scritte dalle persone che li hanno donati nel tempo. La camminata sotto i toori rossi è lunga circa 4 km. E' passando per di qua che si arriva al tempio, dedicato al kami Inari.
Il Kiyomizu-dera (清水寺) è un altro posto spettacolare. Forse il tempio più bello che ho visto in assoulto a Kyoto.
La costruzione del tempio fu iniziata nel 798, ma è solo nel 1633 che venne realizzata l'attuale costruzione. Particolare il fatto che per costruirlo non è stato utilizzato nemmeno un chiodo. Kiyomizu significa "acqua pura, pulita" e fa riferimento alla cascata presente all'interno del complesso.
Qui si prendono dei mestoloni lunghissimi e si raccoglie poi un pò d'acqua bevendola. Si dice porti fortuna per una buona salute...
Davvero un posto da non perdere...
Lo Yasaka Jinja (八坂神社) è forse il primo tempio che ho visitato a Kyoto. L'entrata è quasi sulla strada. Si devono salire delle scale e si arriva al bellissimo tempio.
Si tratta di un santuario shintoista che si trova nella zona forse più popolare di Kyoto, quella di Gion ed in effetti un tempo veniva proprio chiamato Santuario di Gion.
Famosissimo è il Gion Matsuri, ovvero il festival di Gion, che si tiene in estate e durante il quale viene portato l'Omiko shi dal tempio in giro per le strade principali del quartiere. La prima volta questo avvenne nell'869 allo scopo di scongiurare un'epidemia, e dopo di allora si mantenne fino ai giorni nostri (il festival, non l'epidemia).
Il Chion-in temple (知恩院) ha anch'esso un'atmosfera incantevole, come tutti i templi del resto (VIDEO)
Di solito all'interno dei templi non è possibile fare riprese o fotografare, ma qui non ricordo. Forse era concesso, o forse mi era stato detto di non fotografare e l'addetto è poi andato via certo che io avrei seguito le sue direttive...comunque sia, ecco cosa c'era all'interno del tempio, amici:
Ed ecco altre 3 foto random scattate nel luogo:
E Passiamo ora al Tenryuji temple (天龍寺):
Conosciuto più formalmente come Tenryū Shiseizen-ji (天龍資聖禅寺). Realizzato nel 1345 in onore del Gautama Buddha, fa parte dell'Unesco World Heritage Sites. Guardate che meraviglia di posto:
E siamo giunti, cari amici, al Ryoan-ji (竜安寺), con il famosissimo Rock Garden. Patrimonio dell'umanità per l'Unesco, è un tempio zen, con un giardino che merita non solo uno sguardo attento, ma un'amirazione perlomeno di qualche minuto, stando seduti e cercando di interiorizzare la bellezza di tale posto.
Il posto è davvero fantastico, amici.
Questo è il cosiddetto "sentiero dei filosofi". Si percorre una lunga strada che costeggia un piccolo rivo e si incontrano davvero tantissimi templi di una bellezza unica.
Le case lungo la stradina sono davvero molto caratteristiche:
Facciamoci un bel giretto per la città ora:
Nel pomeriggio si può passeggiare per Teramachi, la shopping street principale, dove fare shopping o trovare un ristorante o un bar per rilassarsi e sorseggiare qualcosa mentre si apprezzano le bellezze locali (intese come ragazze). Il mio bar preferito a Kyoto era l'Hollys Cafè, dove passavo molto tempo ad ascoltare la musica in sottofondo, quella americana degli anni 50, programmando le visite della giornata.
Kyoto è davvero strapiena di templi ed ognuno ha una sua particolarità, una sua storia da conoscere. E' sempre bene visitarne l'inerno. Viene richiesto di togliersi le scarpe, e poi quasi sempre è possibile visitarli da dentro.
Qui ero all'interno di uno dei tanti templi visitati. Sono così tanti che mi sono spesso perso nomi e riferimenti, quindi non mi resta che posatare le foto dei luoghi e sperare un giorno di tornarci per prendere nota dei posti in cui sono stato, stavolta.
Una cosa che adoro a Kyoto, ma in Giappone in generale quando si trovano, sono queste costruzioni in legno. Danno davvero una bellissima atmosfera che sà di antico e vissuto.
E questi sassi "firmati"? Non sono una bellezza? Non rendono il tutto ancora più bello?
Passeggiando per il sentiero si incontrano tantissimi templi e giardini e sarebbe impossbile visitarli tutti, quindi a volte si passa oltre con il cuore che fa un sussulto per farti capire che dovresti andare anche lì...
Ma continuiamo  a percorrere insieme il sentiero e vediamo dove ci porta. Su...in marcia!
 
Toh...un tempietto. Entriamo dai!!
Un'altra casa in legno...
Un tempio chiuso... (mannaggia, si sta facendo tardi...voi dietro!! E dateve na mossa!!!)
Un ponticello...
E guardate questo posto. Davvero carino. un negozietto con un piccolo bar e un piccolo sito davvero particolare.
E quella cos'è? Una casa? Un tempio? che dite andiamo a dare un'occhiata?
Ma si dai...oddio, si entra ma non c'è nessuno. Se fosse una casa privata stiamo commettendo forse un reato? Signor giudice! Sono stato rapito da tanta bellezza e non mi resi conto di non poter entrare in quel sito. In più non c'era nessun'indicazione che indicava un divieto d'entrata e se c'era era per me incomprensibile. Chiedo la clemenza della corte....cosa?? Come 6 anni?????
Guardi anche lei la prego!! Non era un posto irrinunciabile da visitare? Guardi!!!
Altro tempietto, altro panorama splendido. Di questi luoghi non mi sono segnato i nomi anche perchè erano posti davvero poco noti. Mi sono addentrato in vicoli sperduti limtirofi al sentiero principale. Qui ad esempio avevo chiesto di poter visitare l'interno ma mi venne risposto che potevano entrare solo le persone che parlavano bene il giapponese... Ma mi sono potuto godere il giardinetto zen di fronte all'entrata.
Ecco un altro portone...andiamo forza!! Vediamo cosa cela....
Credo che a questo punto uno spuntino non ci starebbe male. A Kyoto, come in altre città del Giappone, mi intrufolo spesso in questi vicoletti seminascosti, dove si trovano dei localini davvero particolari e la vera cucina casareccia kyotese, nello specifico. O si dice kyotota? O kyotesica? Boh, vabbè, mi avete capito...
A Kyoto si trovano delle stradine davvero caratteristiche, come questa:
Questa è la stazione JR di Kyoto:
Questa invece è la Kyoto Tower. Da visitare almeno una volta.
Saliamo su e vediamo cosa si vede...
Dalla Kyoto Tower, camminando un poco, si arriva al Tōji temple (東寺). Vedete in lontananza la pagoda?
La pagoda del tempio è alta 55 metri ed è la struttura in legno più alta di tutto il Giappone, pensate. Venne costruita per la prima volta nell'826 e ricostruita nel 1644 dopo essere stata abbattuta da un fulmine.
Si entra per di qua, venite...
Vi lascio con alcune immagini del posto, certo che vi faranno venire voglia di andarci almeno una volta nella vita...
Ed eccoci al Sanjūsangen-dō (三十三間堂).
Conosciuto ufficialmente come Rengeō-in (蓮華王院), o Hall of the Lotus King, è certamente uno dei siti più interessanti che ho visitato a Kyoto.
All'interno del tempio ci sono moltissime riproduzioni, circa un migliaio, del Dio Kannon. L'impatto è fantastico; da lasciare a bocca aperta. Purtroppo è vietato fare delle foto, ma su internet qualcosa si trova, e vi posto questa:
Si vede anche uno dei guardiani che accompagnano le riproduzioni del Kannon. Il posto merita davvero.
Guardate che bello:
Ho visitato anche lo Yata-dera temple (矢田寺).
Formalmente chiamato Kongô-zan Yatadera, e anche noto come Yata Jizô.
Molto caratteristica questa campana:
La campana ha attirato molto la mia attenzione...
Tanto che ho chiesto insieme ad una mia amica se era possibile vederla da vicino...
Ed eccomi con il mio trofeo, vittorioso e tronfio:
Ma cosa si vedrà mai verso l'alto???
Questo:
Vi porto ora all' Heian Jingū (平安神宮):
Edificato nel 1895 venne dedicato agli imperatori Kammu e Komei.
L'edificio principale o shaden (社殿) è una riproduzione del Palazzo Imperiale di Kyoto.
Ed eccomi qui in tutta la mia imponenza italica:
Questo è il Tōfuku-ji (東福寺):
Cosa lo rende veramente speciale? Il suo fantastico giardino zen. Guardate:
Vorrei terminare il racconto di Kyoto facendovi fare un giro insieme a me nelle vie della città. Siete pronti? Seguitemi allora...
Guardate questa bici che strana...ma andiamo avanti...
Naturalmente anche a Kyoto ci sono dei palazzi davvero caratteristici. Che ne dite di questo?
Immancabili i tempietti negli angoli più nascosti.
Ed immancabili sono anche le shopping street, sempre strapiene di negozi e cose interessanti da accaparrare.
Questa è una chiesetta. Davvero strana. Incastonata tra i palazzi e con un aspetto un pò futuristico e anche un pò triste a mio parere. Voi cosa ne pensate? Non sono entrato dentro, anche perchè avevo il timore di ritrovarmi una macchinetta con le preghiere da recitare ed il relativo costo e un prete con la croce luminescente ed una voce elettronica che ti invitava a sedere o a inginocchiarti...
E' comunque proprio in quel di Kyoto che ho trovato Dio. Non mi credete? Guardate allora, miscredenti!!
Questo è un cimitero che si trovava dietro un tempietto anonimo ed ecco cosa nascondeva nelle sue terga:
Ma proseguiamo la nostra camminata e vediamo cosa trov...o chacchio!!! La camicia di Bruce Lee!!! nooo...la voglio!!
Altro tempietto...
Il solito venditore strillone...
E guardate che meraviglia questo negozietto:
E questo???
Quasi quasi mi compro una di queste cose strane...
Questa è la più importante strada per lo shopping di Kyoto, tenete a mente il nome:
A chi non serve una pistola o un fucile a canne mozze?
Al calar della sera Kyoto è ancora più bella.
Con i suoi vicoli pieni di izakaya particolarissimi dove si trova a mio parere la miglior cucina del Giappone.
I suoi palazzi fluoresenti.
Beh...si sta facendo tardi. Non mi resta che salutarvi e ringraziarvi per l'attenzione. Credo che Kyoto sia un posto paradisiaco. Ma io credo lo sia tutto il Giappone nella sua interezza. Tranne quel cazzo di udon-ya a Nara di cui vi ho parlato nel racconto di viaggio specifico. Mi è rimasto qui guarda...alla prossima!!!
Credo che mi merito un buon pasto delizioso. E con questo vi lascio.

GALLERIA 2016

RAILWAY MUSEUM (2016)


Kyoto - altre cose da vedere

Kenninji

Kenninji
Anche in questo tempio sono tornato recentemente con una guida del posto. Bellissimo. Assolutamente da non perdere, specie per i suoi giardini zen. Cliccando sul link sotto potrete vedere una galleria fotografica del giugno 2016: KENNINJI Indirizzo: 605-0811 Kyoto Prefecture, Kyoto,...

—————

Nazenji

Nazenji
Questo bellissimo tempio è assolutamente da visitare. Ci ero già stato nel 2009 ma sono tornato volentieri recentemente, nel giugno del 2016, guidato da un ragazzo che mi ha spiegato molte cose sul tempio e in particolare sui giardini. All'interno si trova anche un acquedotto simile a quelli...

—————

Tandenan Temple

Tandenan Temple
Solitamente apporre una scritta su una parete di un luogo sacro è appunto sacrilego, eppure esiste un tempio a Kyoto che vi invita a farlo. Si tratta del Graffiti Temple Tandenan, come ormai viene chiamato. Potete visitarlo e poi scrivere su una parete dello stesso. Potrete così sfogare le vostre...

—————

Kanji Museum

Kanji Museum
Aprirà presto a Kyoto un museo dedicato ai kanji, i caratteri di origine cinsese utilizzati per la scrittura. Si dice che sarà presente una torre con incisi 50.00 kanji presi da fonti letterarie e che si potranno imparare dei kanji in maniera divertente all'interno del museo la cui apertura è...

—————

Hongwanji

Hongwanji
Questo tempio, noto come Nishi Honwanji, si trova all'inizio della strada che porta al Kiyomizu-dera. Contiene al suo interno l' Otani Hombyo. E' in pratica un mausoleo dedicato a Shinran Shonin (1173-1263) fondatore della tradizione buddista Jodo Shinshu, una delle più grandi scuole buddiste del...

—————


Curiosità e informazioni

20.03.2016 00:18

Kyobancha

Il Kyobancha (京番茶) è un the particolare prodotto nella provincia di Kyoto. Si tratta di the tostato, dal forte aroma, conosciuto anche come iribancha (いり番茶). Un altro nome ancora è akabancha (赤ちゃん番茶), baby bancha. Questo perché non contiene quasi per nulla caffeina e possono berlo anche i...

—————