il Giappone in Italia


Kayako san

Kayako san

La storia di Kayako è molto conosciuta in Giappone e protagonista di diversi film. A lei infatti si ispira il personaggio di The Grudge. Narra di una ragazza uccisa dal marito che torna come fantasma.

Da piccola Kayako non era molto amata dai genitori e si sentiva sola e depressa. E veniva anche presa in giro dagli amici.

Da grande si sposò con tale Taeko Saeki ed era felice. Diede al mondo un bambino di nome Toshio.

Un giorno il marito trovò per caso il diario segreto di Kayako, mentre lei era fuori casa, e si convinse che lei lo stesse prendendo in giro.

Così la aspettò e al suo ritorno la colpì con un coltello, davanti al loro figlio.

Lei piena di sangue cercò di scappare, ma cadde dalle scale, spezzandosi l'anca, ma provò a trascinarsi fino alla porta, dove trovò il marito che le girò con forza la testa spezzandole il collo.

Kayako sopravvisse alla furia del marito ma rimase paralizzata e non riusciva che a emettere un rantolo.

Il marito la portò sull'attico, la mise in una busta di plastica nera e la lasciò morire soffocata.

Quindi prese il figlio e lo affogò nella vasca da bagno, nascondendo poi il corpo in un armadio.

Kayako tornò per vendicarsi. Uccise il marito strangolandolo con i capelli.

Venne ritrovato inerte per strada e si pensò ad un suicidio.

Si dice che chi entra nella casa dove vivevano può sentire i rantoli di Kayako e vederla poi scendere dalle scale ruotando la testa ed emettendo un suono macabro.